Calcioscommesse, Doni si confessa agli ultrà «Noi non ti perdoniamo»

Pubblicato: 2 febbraio 2012 in Mondo Ultras
Tag:, , , , ,

Cristiano Doni si fa i complimenti. In fondo «ho tradito lo sport, ma una volta sola »; ha partecipato a una combine «ma quello non era il vero Doni ».

 

 

È stato «debole, perché non ho allontanato il male», «ma avevo un ruolo marginale e sappiamo benissimo che quella partita lì (Atalanta-Piacenza 3-0, 19 marzo 2011, ndr) finiva così anche se io non l’avessi saputo»; ha negato per mesi ogni coinvolgimento, «ma la speranza era sempre la possibilità di tornare a giocare » e quindi di farla franca, «e questo è capibile». Come no. C’è sempre un «ma» in ogni frase iniziata da Doni e conclusa con quella che ha tutta l’aria di essere un’autoassoluzione. Toccherà ai giudici stabilire se le responsabilità di Doni stanno tutte nell’aver saputo di una combine, non aver denunciato e aver fatto capire a Gervasoni del Piacenza, già desideroso di perdere, di essere al corrente dell’accordo. Di certo, i tifosi dell’Atalanta non gli credono. Nessun riavvicinamento, nessun perdono in vista, anche se l’ex bandiera atalantina si dice disponibile a un incontro «perché io c’ho sempremesso la faccia». Tutto avviene sul sito degli ultrà bergamaschi (atalantini.com), termometro dell’umore dei tifosi: in cinque file audio è possibile ascoltare per 23 minuti la voce di Doni, intervistato dal curatore del sito. Poi, sotto, è possibile leggere i commenti. Civili per lo più, arrabbiati tutti. Eccone uno: «Il silenzio e il tempo FORSE potevano riabilitarlo… ora più parla e più si sputtana ». Qui la tesi di Doni non passa: gli errori per lui si condensano «in un piccolo periodo» mentre «tutto quello che di buono ho fatto con l’Atalanta non me lo toglie nessuno», fino a dire «sono stato un professionista esemplare e iomi faccio i complimenti per essere arrivato a 38 anni in queste condizioni fisiche e mentali». In conclusione: «Non è come scrivono i giornali che hanno strumentalizzato». Ma non sono i giornali a essere duri con lui. Semmai i suoi ex tifosi. In quell’audio di Doni c’è anche una versione diversa su Atalanta- Pistoiese del 2001: «Quell’episodio ha distorto la mia immagine, da allora mi hanno additato come scommettitore», dice Doni lasciando intendere di essere stato vittima di un pregiudizio. Lo stesso giorno ad alcuni giornali ha ammesso che quella partita era combinata, ma non da lui. Allora? «Se questo è quanto doveva dire alla ‘‘sua’’ città per spiegare, beh… credo non ci sia altro da aggiungere—un altro commento —. Capisco che su molte cose ci sia il processo aperto,ma a me ha lasciatomolta amarezza leggere alcune affermazioni. Auguro al Sig. Cristiano Doni ogni bene in futuro, non andrò certo a cercarlo per insultarlo, ma ora per cortesia non cerchi riabilitazioni- lampo alla luce del ‘‘volemose bene, ho fatto solo una sciocchezza’’». E ancora: «Non ti preoccupare, hanno riabilitato tutti, vedrai che tra qualche annetto (…) ti chiameranno a fare il commentatore televisivo ».

[Fonte: Quotidianamente]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...