Iniziativa “CON IL TIFO LIBERO STADI PIENI E BENEFICENZA”

Pubblicato: 3 febbraio 2012 in Mondo Ultras
Tag:, , , , ,

Noi non ci stiamo! Non riusciamo a rimanere impassibili davanti alla fine del tifo, della passione, del colore e della goliardia che caratterizzavano gli stadi italiani, causata da televisione, divieti e Tessera del Tifoso.
Come Boys Parma 1977 ci siamo resi conto dell’apparente impotenza dei gruppi Ultras di fronte all’Osservatorio che, al di la dei vari protocolli di intesa e delle dichiarazioni sui giornali, è il vero potere forte col quale relazionarsi.
L’opera di resistenza nei confronti della Tessera ha coinvolto moltissimi gruppi, i quali si sono schierati con tutti i mezzi a disposizione, striscioni, conferenze, boicottandola ed eludendola, ma ai fini pratici siamo impossibilitati a cambiare materialmente la situazione attuale; gli unici due enti che possono provvedere a tal proposito sono l’Osservatorio e il Ministro degli interni.

Pensare di essere presi in considerazione dall’Osservatorio come interlocutori, in quanto Ultras, è irrealistico, il rischio è andare a sbattere contro un muro di gomma.
L’obbiettivo è quindi quello di spingere le società, unico altro attore del teatrino, a formulare una proposta a tutela dei propri tifosi che hanno liberamente deciso di non aderire al progetto TdT, società che riunendosi potrebbero portare la proposta all’Osservatorio, invece di lasciare
isolate le varie voci che si sono levate contro.

La proposta insiste nel richiedere all’Osservatorio il ripristino delle modalità di vendita dei biglietti della scorsa stagione o in subordine la effettiva applicazione del Protocollo d’intesa ad oggi sistematicamente ignorato, questo come primo passo. In cambio, le società si impegnano a devolvere l’incasso (o almeno parte di esso) di quel settore a favore delle popolazioni colpite da disastri naturali, o altra beneficenza. Le società non perderebbero ulteriori soldi, li stanno già perdendo, e non sembrano preoccuparsene molto (sappiamo bene che l’unica cosa che
conta sono i diritti televisivi).

Questo passaggio riguarderà il lasso di tempo che manca da qui a fine stagione, vorremmo dare la possibilità a quelle società che si sono schierate contro la tessera, di slegarsi le mani e di agire concretamente verso i loro tifosi, poter puntare alla prossima stagione verso la normalità, in quanto sino ad ora, le risposte sentite in giro ci sono sembrate sempre identiche e univoche nei
confronti della pressione che l’ex ministro Maroni esercitava su tutte le componenti del calcio.

Lo scopo è mirare tutti verso l’Osservatorio ed il loro superiore, ossia il ministro Cancellieri. Per farlo abbiamo pensato all’iniziativa, che il governo tecnico potrebbe prendere in considerazione perché risparmierebbero migliaia di euro di soldi pubblici.

Pensiamo sia importante coinvolgere anche quelle istituzioni chiamate in causa: sindaci, onorevoli del territorio ecc. ecc. Loro dovrebbero avere lo stesso ruolo delle società ma con un diverso destinatario, non sarà l’Osservatorio ma direttamente il ministro Cancellieri.

Le istituzioni dei paesi colpiti potrebbero essere interessate, mediante gli Ultras potrebbero venire a conoscenza dell’iniziativa ed informare chi di dovere.

Su come gestire l’eventuale transazione di denaro, domanda che ci hanno posto non abbiamo ancora un’idea precisa, siamo aperti a qualsiasi tipo di proposta.

Presentazione iniziativa

Lettera da utilizzare come raccolta firme

Video con giocatori

Video con ex giocatori e giornalisti

BOYS PARMA 1977

***

CON IL TIFO LIBERO STADI PIENI E BENEFICENZA, FIRMA ANCHE TU!

Una proposta concreta, positiva, per riaprire le trasferte ai tanti che hanno liberamente e legittimamente deciso di non sottoscrivere la tessera del tifoso. Viene dai nostri fratelli dei Boys Parma, e l’abbiamo voluta far nostra.

Una raccolta di firme per chiedere al Ministero degli Interni di riaprire i settori ospiti ai tifosi non tesserati, quelli che da inizio anno non possono mettere piede negli stadi in trasferta, privandoli di un piacere e di un’importante momento aggregativo, e privando le società padrone di casa di un cospicuo incasso.

Dato che le società stesse non sono andate al di là di timide proteste per tutelare i propri tifosi (e le proprie casse), alla suddetta richiesta abbiniamo la proposta che i proventi della vendita dei biglietti ai tifosi non tesserati vengano destinati ad un fondo di solidarietà cui attingere per aiutare chi ne ha piu bisogno (lo spunto originale era l’alluvione che ha colpito la liguria e il messinese). Parliamo di decine di migliaia di euro ogni fine settimana, disponibili subito, senza attingere a soldi pubblici. Proponiamo che siano Lega di A, B e C a gestire questi fondi, dando pronta e progressiva informazione della quota raggiunta.

Dalla prossima partita in casa, che si giocherà l’11 febbraio, Sampdoria-Albinoleffe, raccoglieremo le firme di tutti i sampdoriani che vorranno aderire presso lo stadio. Ci aspettiamo una grande adesione, per poter rivivere liberamente il tifo per la nostra Sampdoria e contemporaneamente contribuire ad aiutare chi ne ha realmente bisogno.

SCARICA IL VOLANTINO CHE TI CHIEDEREMO DI FIRMARE E FIRMALO ANCHE TU!

Ultras Tito Cucchiaroni

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...