Scommesse, quel “tutti sapevano” fa molto riflettere

Pubblicato: 10 marzo 2012 in Calcio
Tag:, , ,

A margine della penalizzazione inflitta al Bari, pensiero conciso ma inappuntabile di un blog barese: “Giocare contro la squadra del cuore è come passare sul cadavere della propria madre”.

 

Un ristoratore indagato nel calderone del calcioscommesse ha detto che “tutti sapevano” del tarocco sulla pelle del Bari. La cosa non può passare inosservata, perchè tra le righe di questa frase c’è la sconfitta di un credo. Giocare contro la squadra del cuore è come passare sul cadavere della madre. Sarebbe bastato che un tifoso denunciasse quello che aveva fiutato, per bloccare quei delinquenti che giocavano a perdere con addosso la maglia del Bari. Possibile che nessuno ci abbia pensato o erano tutti presi a scommettere sulla partita giusta. In una città che dice di vivere per la propria squadra di calcio, non si può permettere che qualcuno la violenti in questo modo.

[Fonte: Bianco rosso e Tamborra]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...