Zini: «La Reggiana appartiene ai tifosi»

Pubblicato: 13 marzo 2012 in Mondo Ultras
Tag:, , , , ,

«Cambiano i giocatori e le dirigenze ma loro restano»

 

REGGIO. E’ uno sfogo civile quello che il capitano Danilo Zini esterna al termine della gara in merito allo sciopero del tifo e alla contestazione.

«Possono contestare per come stiamo andando – spiega con toni pacati il goleador di giornata – e forse hanno anche ragione. Però c’è una cosa che deve essere chiara».

Quale?

«Questa squadra è principalmente un patrimonio dei tifosi. Io tra qualche anno smetterò di giocare, forse cambierà la società, mentre loro ci sono sempre stati e ci saranno sempre. Se possono, devono starci vicino».

A parte lo sciopero iniziale li avete sentiti i fischi durante la partita?

«Non possiamo dire di non averli sentiti però se i giocatori più navigati riescono a rimanere concentrati sulla partita per i più giovani può diventare un problema».

Cosa si sente di dire ai tifosi della Sud?

«I tifosi in questo momento ci devono dare una mano, i processi si faranno alla fine».

Questo è il suo pensiero o anche quello di tutta la squadra?

«E’ un sentimento diffuso tra tutta la squadra».

Veniamo al calcio giocato: iniziamo da suo gol che ha un peso specifico molto alto?

«Sapevo che quella palla non potevo sbagliarla a differenza di quello che mi era successo in altre occasioni».

Un gol che ha scacciato i fantasmi?

«Li ha scacciati perché ci abbiamo creduto. Nel secondo tempo ho capito la partita poteva girare».

A dir la verità si era aperto con l’espulsione di Ardizzone: non iniziamo ad essere un po’ troppe le partite che finite in dieci?

«Questa è l’ennesima espulsione ingiusta. Quando non vede nulla l’arbitro è il guardalinee che vuole diventare protagonista. Quel 9 (Kabine ndc) ha fatto sceneggiate per tutta la partita».

Perché ha pensato che nel secondo tempo l’inerzia della partita si poteva spostare dalla vostra parte?

«Prima l’espulsione ingiusta di Ardizzone e poi il gol fallito da Eusepi: lì ho capito che era il momento di portare gli episodi dalla nostra parte».

Quindi qual è il suo giudizio complessivo sulla partita?

«A caldo mi sento di dire che non è stata una brutta partita. Il Carpi è passato in vantaggio dopo due nostri rinvii un po’ balordi e da parte nostra ci sono state le occasioni di Matteini e Viapiana e se il primo tempo si fosse chiuso con un pareggio non sarebbe stato uno scandalo».

Qual è il suo giudizio sul Carpi?

«Secondo ha commesso un errore: quello di pensare di aver già vinto la partita ancora prima di giocarla».

Sapevate che era una gara da non perdere: cosa vi ha portato a crederci fino alla fine?

«In settimana ci avevano parlato sia il direttore sportivo De Falco che il mister: adesso ci è entrata dentro la mentalità della squadra che si deve salvare».

E pensarci un po’ prima non era meglio?

«Sono il primo ad ammettere che qualche settimana fa con sette punti di vantaggio pensavamo che il più fosse fatto. Il discorso del direttore è stato un discorso importante che ci ha fatto capire tante cose».

Cosa la porta a dire che il messaggio è stato recepito dal gruppo?

«Gli occhi dei miei compagni».

Pronto per il Pisa di Pane e Grieco?

«Intanto speriamo che rientri Alessi. Detto questo, credo che sia una partita più a rischio per loro. Si trovano esattamente nella situazioni in cui si trovava la Reggiana prima della partita con il Foggia. Per il Pisa vincere questa gara significherebbe togliersi dalle zone pericolose».

Ha festeggiato nel migliore dei modi le 180 presenze con la maglia della Reggiana.

«E’ vero, è un traguardo che fa piacere anche se non ci penso sempre. Ma 180 partite con la stessa squadra sono tante e oltretutto per la squadra della mia città, è un motivo di grande orgoglio».

E adesso?

«Dobbiamo proseguire la serie utile per toglierci da questa difficile posizione di classifica, anche se siamo dell’idea che ci sarà da lottare fino alla fine».

La classifica è pericolosa anche se avete tre punti sui play out.

«E’ così ma ora pensiamo solo al Pisa».

[Fonte: Gazzetta di Reggio]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...