Due Daspo ad Andria

Pubblicato: 26 marzo 2012 in Mondo Ultras
Tag:, , , , ,

Il sonno della ragione ha generato un mostro repressivo di una brutalità inaudita. Ad Andria l’ultimo di una lunga serie di abusi partoriti da questo strumento aberrante che è il daspo, uno strumento in cui potere esecutivo e potere giudiziario vanno a confondersi in maniera davvero pericolosa.

 

Da un comunicato del Commissariato di P.S. della città pugliese che sta circolando per i siti web di informazione, si apprende che due ultras andriesi, un ventiseienne e un trentacinquenne, sono stati fatti destinatari del provvedimento Daspo per due anni.
A parte la fumosità dello stesso comunicato, dal quale non si capisce nemmeno in quale partita sarebbero accaduti i gravissimi eventi delittuosi che hanno portato all’ordinanza, bisogna per cui accontentarsi di sapere che i due sono stati puniti in occasione di “una” partita; quale e quando sono cose che a noi non devono interessare, secondo loro…
Il gravissimo reato di cui i due si sarebbero macchiati sarebbe stato niente popo di meno che il possesso ed utilizzo di artifizi pirotecnici. Le autorità inquirenti sono ancora sulla pista calda per sgominare questo crimine disumano e starebbero anche accertando soggetti che hanno concorso con i due già daspati. I due in questione, tra l’altro, si sono macchiati dell’aggravante di “esporre una sciarpa evidenziando la scritta ACAB con il chiaro intento di oltraggiare le Forze di Polizia”.
L’emissione del Daspo si è resa necessaria perché entrambi i soggetti – badate bene le parole – “avrebbero potuto provocare turbativa all’ordine e alla sicurezza pubblica”. Roba da far gelare il sangue nelle vene, ma pare che ai supremi garanti del diritto pubblico non interessi minimamente quando i diritti vengono negati alle classi più invise. Cioè, si puniscono persone per la loro “potenziale pericolosità”, in buona sostanza come arrestare degli automobilisti perché potrebbero provocare incidenti o investire pedoni. Così, cominciando ad erodere diritti dal basso (perché quello ad essere equamente giudicato per un presunto reato è un diritto che dovrebbe essere garantito a tutti, checché ne dicano i giustizialisti con la bava alla bocca) stanno piano piano rosicchiando tutto lo Stato di Diritto in generale: abbiamo già visto dove vogliono arrivare con l’estensione del Daspo anche alle manifestazioni di piazza, possiamo benissimo immaginare dove tutto ciò possa portare… ad una società obnubilata, silente e sottomessa.

Sport People.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...