Italia, rimpatriato legato e imbavagliato: passeggero scatta foto shock

Pubblicato: 20 aprile 2012 in Fuori campo
Tag:, , , , ,

Un assaggio dei metodi democratici del nostro Belpaese e del suo braccio armato. L’ondata di indignazione potrebbe diventare un’onda anomala se solo l’opinione pubblica sapesse quanto di ben peggio succede domenicalmente agli ultras. Ma gli ultras, si sa, sono categoria sociale che gode di minore considerazione rispetto agli immigrati clandestini…

 

Rimpatriato ed imbavagliatoEra in volo per Tunisi e si è imbattuto in un cittadino tunisino rimpatriato dalle autorità italiane e ha visto in che condizioni veniva “riaccompagnato” a casa: legato e con la bocca sigillata da nastro adesivo. Francesco Sperandeo è riuscito a fotografarlo. Ha postato la foto su Facebook, denunciando il trattamento inumano e degradante che gli è stato riservato. Quello che segue è il testo del suo post, pubblicato sul suo profilo.

Guardate cosa è accaduto oggi sul volo Roma-Tunisi delle 9,20 Alitalia. Due cittadini tunisini respinti dall’Italia e trattati in modo disumano. Nastro marrone da pacchi attorno al viso per tappare la bocca ai due e fascette in plastica per bloccare i polsi. Questa è la civiltà e la democrazia europea. Ma la cosa più grave è stata che tutto è accaduto nella totale indifferenza dei passeggeri e alla mia accesa richiesta di trattare in modo umano i due mi è stato intimato in modo arrogante di tornare al mio posto perché si trattava di una normale operazione di polizia… Normale??? Sono riuscito comunque a rubate una foto! Fate girare e denunciate!

[Fonte: E-il mensile]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...