Nessun daspo per Rossi “Mancano i presupposti”

Pubblicato: 4 maggio 2012 in Mondo Ultras
Tag:, , , , ,

A rivelarlo è il questore di Firenze Francesco Zonno. “Il gesto è da condannare ma non ha avuto incidenza sull’ordine pubblico”. Escluso anche un servizio di sorveglianza per Ljajic

Delio RossiNessun daspo per l’ex allenatore della Fiorentina Delio Rossi. A rivelarlo è il questore di Firenze Francesco Zonno, che dopo aver studiato le relazioni della divisione anticrimine sulla zuffa con Ljajic non ha riscontrato elementi tali da giustificare il provvedimento. “Mancano i presupposti, il gesto è da condannare ma non ha avuto incidenza sull’ordine pubblico- ha spiegato- Aspettiamo comunque gli esiti degli accertamenti della giustizia sportiva: solo se dovessero emergere comportamenti potenzialmente pericolosi per la sicurezza del pubblico potranno essere prese in considerazione misure estreme come il Daspo”.

Sempre in merito all’incredibile scenata avvenuta a bordo campo nel primo tempo della partita con il Novara, negli uffici di via Zara si esclude anche che per il giovane fantasista serbo sia stato messo in campo un servizio di sorveglianza per scongiurare eventuali contestazioni di tifosi. Al momento gli investigatori della Digos non avrebbero infatti rilevato minacce o particolari segnali di tensione.

“Dispiace per le brutte immagini che siamo stati costretti a vedere- conclude il questore- e dispiace per un uomo mite come Rossi che sicuramente è stato provocato. Un tesserato, però, deve conoscere le conseguenze delle proprie azioni e non può lasciarsi coinvolgere in simili episodi”.

[Fonte: La Repubblica]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...