Brasile, morto il tifoso del Flamengo

Pubblicato: 7 maggio 2012 in Mondo Ultras
Tag:, , , , ,

È morto Bruno Santa Ana Saturnino, il trentunenne tifoso del Flamengo che era rimasto gravemente ferito domenica scorsa a Rio de Janeiro dopo aver subito un’aggressione da un gruppo di tifosi del Vasco de Gama.

 
Bruno Saturnino, il tifoso uccisoGià avvenuti i funerali a cui ha partecipato una vasta folla di persone, parecchie delle quali con indosso la maglia rossonera del club. Bruno, già in passato coinvolto in episodi di violenza tra tifoserie, lascia una figlia di tre anni.
Ancora diversi dubbi avvolgono la dinamica dell’incidente: domenica non si affrontavano direttamente Flamengo e Botafogo, ma Saturnino sarebbe stato riconosciuto come esponente della torcida del Flamengo da un gruppo di tifosi del Vasco che la stampa riconduce alla “Forca Jovem”, saliti sullo stesso autobus di ritorno dallo stadio “João Havelange” dove si era appena conclusa la finale della Taça Rio del Campionato Carioca e che aveva visto la loro squadra soccombere per 3-1 al cospetto del Botafogo.
Saturnino, dopo essere stato riconosciuto dai tifosi del Vasco, è fuggito dal finestrino, ma è stato poi raggiunto e picchiato per strada dalla ventina di tifosi avversari. I residenti del quartiere che hanno notato l’aggressione, hanno chiamato i soccorsi, ma a nulla è valsa la corsa in ospedale e i due interventi chirurgici a cui è stato sottoposto il ragazzo che è quindi spirato nel reparto di Terapia Intensiva dell’Ospedale “Salgado Filho” principalmente a causa del forte trauma cranico subito.
L’episodio segna la terza morte in breve tempo per scontri tra tifosi dopo i due del Palmeiras a San Paolo e quello del Goias a Goiana. Ovvia ed immancabile la coda di polemiche e la richiesta di giri di vite sulla sicurezza, soprattutto in vista dell’imminente e caldissimo incontro tra Botafogo e Fluminense.
La polizia ovviamente sta indagando, vagliando le immagini delle telecamere a circuito chiuso installate sull’autobus e grazie alle quali contano di risalire ai responsabili dell’aggressione, anche se, allo stato attuale, ancora nessuno è ufficialmente indagato per quest’altra triste ed assurda morte.
Ciao Bruno, ti sia lieve la terra.

Sport People.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...