Comunicato di risposta alla questura – gli Ultras della Curva Est di Teramo

Pubblicato: 10 maggio 2012 in Comunicati
Tag:, , , , ,

Comunicato della Curva Est Teramo in risposta alle ultime note della locale questura.

In seguito alla nota emessa nei giorni scorsi dalla locale questura, in merito alla relazione sull’attività mensile della stessa, che teneva a precisare le motivazioni delle recenti diffide comminate nella gara interna con il Riccione, riteniamo doveroso fare delle precisazioni per esprimere la nostra contrarietà a tali provvedimenti e per spiegare ulteriormente perché li riteniamo frutto di provocazioni studiate a tavolino che hanno l’unico obiettivo di reprimere il nostro movimento in quanto scomoda aggregazione pensante che si batte contro la trasformazione del calcio in una macchina da soldi a discapito dell’ autentica passione popolare.
Nella nota della questura emerge che “in occasione del citato ultimo incontro, alcuni ultrà, riconosciuti ed identificati attraverso le telecamere a circuito chiuso, tentavano di introdurre uno striscione non autorizzato perché privo di carattere sportivo”. Lo striscione contestato, come tutti avranno potuto vedere, esprimeva semplicemente un pensiero di solidarietà e vicinanza ad un fratello di curva attualmente sottoposto ad arresti domiciliari. Ricordiamo alla questura che prima di ogni incontro del Teramo ci viene incessantemente rammentato che “è fatto divieto, negli impianti sportivi, l’introduzione o l’esposizione di striscioni e cartelli che incitino alla violenza, alla discriminazione razziale o territoriale” come previsto dall’articolo 2 bis legge 4/4/2007, n. 41. A questo aggiungiamo che la Corte di Cassazione, con sentenza n. 29581/2003, ha precisato che ciò “deve consistere in una specifica istigazione alla violenza nelle forme dell’incitamento, inneggiamento e induzione alla violenza, e non, invece, in forme di induzione indiretta alla violenza e ciò al fine di non limitare al di là del necessario il diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero”. Preso atto che lo striscione non rientrava in nessuno dei casi sopra citati, perché il funzionario ne vietava l’ingresso? In quale modo lo striscione non garantiva il normale svolgimento della manifestazione sportiva, come la questura ha tenuto a precisare nella nota?
Nel comunicato, inoltre, si dice che i ragazzi diffidati: “nel tentativo d’introdurre lo striscione accerchiavano ed aggredivano un carabiniere che riportava anche lesioni, lanciavano oggetti contro altri militari. Sono stati, pertanto, anche denunciati per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e lancio di oggetti.” Tutto questo tre ragazzi contro venti carabinieri? E chi sarebbero questi tre ragazzi, supereroi dei fumetti?
La questura, per concludere, ricorda che gli altri due ragazzi sono stati diffidati per “indebito superamento delle recinzioni del settore, come prevede la legislazione vigente”. E’ vero, la legislazione vigente vieta l’ingresso all’interno del campo, ma i ragazzi sono scesi dalla recinzione, senza peraltro superare la linea di fondo campo, ed avevano l’unico scopo, come è possibile vedere anche dalle immagini televisive, di abbracciare i giocatori venuti sotto al settore a festeggiare; il loro non era quindi un atteggiamento atto a “minacciare l’ordine e la sicurezza pubblica”. Allora chiediamo alla locale questura così scrupolosa nell’applicazione della “normativa vigente” se, a questo punto, siano a rischio diffida tutti coloro che dovessero eventualmente partecipare ad una pacifica invasione di massa per festeggiare la vittoria di un campionato?
A queste domande, se ne aggiungono tante altre che ci siamo posti nel corso degli anni ed a tutte, purtroppo, siamo riusciti a dare una sola risposta: repressione. Una repressione illegittima, che trova ogni forma di stratagemma per zittire un libero pensiero, che non disprezza anche l’utilizzo di tecniche provocatorie studiate a tavolino. Tutto ciò, non fa che rafforzare in noi l’idea di essere nel giusto, la convinzione che la strada che stiamo percorrendo è quella giusta, che paghiamo non per quello che facciamo o che ci addebitano di fare, ma per quello che pensiamo. Continueremo a vivere come sempre da uomini liberi, lontani dagli schemi preconfezionati che qualcuno vuole imporci e che non hanno nulla a che vedere con fantomatiche crociate contro la “violenza”, ma il solo scopo di impedirci di vivere con i sani Valori che da sempre ci contraddistinguono.
Oggi più che mai fieri dei nostri Ideali, orgogliosi di essere Ultras.

DIFFIDATI CURVA EST

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...