Calcioscommesse: Coni, sdegno e indignazione. Tifosi ingannati

Pubblicato: 30 maggio 2012 in Calcio
Tag:, , , , ,

Tra un po’ passa un anno e alla buon’ora il Coni si sveglia. Anni e anni di connivenze del mondo del calcio con personaggi poco chiari, conflitti d’interesse, poltrone spartite per nepotismo politico, gestioni sciagurate. In estrema sintesi  un puttanaio dal primo dirigente all’ultimo atleta e poi all’improvviso cascano dal pero come se tutto ciò fosse inatteso, imprevisto. Quanta ipocrisia… questa ipocrisia ci seppellirà.

CONIIl Comitato olimpico nazionale italiano esprime ”sdegno e indignazione” per quanto sta emergendo da questa mattina in seguito alle operazioni disposte dalla Procura della Repubblica di Cremona.

Innanzitutto il Coni manifesta ”il piu’ totale apprezzamento e ringraziamento ai magistrati e alle forze di Polizia che con le loro azioni sicuramente aiuteranno il mondo del calcio a far pulizia di personaggi che con subdoli comportamenti illudono i tifosi e nello stesso tempo ingannano i loro sentimenti”.

Il presidente del Coni, Giovanni Petrucci, ”sta seguendo con grande attenzione l’evolversi degli accadimenti e ha gia’ preso contatti con il presidente della Federazione Italiana Giuoco Calcio, Giancarlo Abete, il quale ha inviato una relazione dettagliata sui fatti oggetto di indagine penale e sulle iniziative che la Federcalcio intraprendera’ nei prossimi giorni. Petrucci si e’ gia’ messo in contatto anche con il Ministro per il Turismo, Sport e Affari Regionali, Piero Gnudi, per informarlo sugli sviluppi e al quale ha fatto pervenire la relazione approntata dalla Federcalcio, unitamente alle considerazioni del Coni sull’intera vicenda.

Nel ribadire il sostegno e la fiducia nell’Autorita’ Giudiziaria e confidando nella continua collaborazione con tra gli inquirenti la giustizia sportiva, il Coni, da tempo impegnato nel contrastare il fenomeno delle scommesse anche in sede internazionale al fianco del Cio, conferma la decisa volonta’ affinche’ certi comportamenti illeciti vengano sanzionati senza indugio e con la massima severita’, applicando tutte le norme attualmente in vigore. Il calcio deve ritornare ad essere patrimonio di milioni di tifosi e non ostaggio di pochi malfattori”.

[Fonte: ASCA]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...