Archivio per giugno, 2012

Giornalismo d’avanguardia: i tifosi della Croazia “avrebbero” lanciato una banana in campo quando Balotelli è stato sostituito. Che i tifosi non sono nuovi a tali trovate sopra le righe del buongusto è vero, però quel condizionale puzza sempre di facile speculazione.

Banana in campo(ANSA) – POZNAN (POLONIA), 15 GIU – L’arbitro Webb fischia un fallo su Balotelli, e dalla curva dei tifosi croati parte una bordata di fischi e dei ‘buuh’ all’indirizzo dell’attaccante azzurro. L’episodio si e’ verificato nel finale del primo tempo di Italia-Croazia, con gli azzurri in vantaggio sull’1-0. Al 24′ della ripresa, all’uscita di Balotelli, sostituito da Di Natale, i tifosi croati avrebbero lanciato in campo una banana: una foto mostra uno steward che raccoglie il frutto dal terreno.

[Fonte: Ansa]

Annunci

Dopo il polverone sollevato dalle dichiarazioni di Cassano sui gay nel calcio, ci ha pensato bene Cecchi Paone ha gettare ulteriore benzina sul fuoco e tirando in mezzo gli ultras salernitani per poi venire (com’era prevedibile) smentito qualche ora dopo.

In un’intervista rilasciata al portale Canale Napoli, il presentatore televisivo si è lanciato in una delle sue solite performance in cui la presunta difesa delle libertà sessuali diventa pretesto per uno show ai limiti tra il cabaret e la fantascienza vera e propria, tanto che è arrivato a vantarsi di avere contatti con gli ultras salernitani:

“Cassano è un ineducato, è normale che ci siano gay nel calcio. Sono in contatto anche con molti tifosi gay che spesso hanno paura ad entrare in uno stadio. I tifosi della Salernitana si sono, invece, dichiarati disponibili ad accettare gli omosessuali nella loro tifoseria, superando le barriere della discriminazione”.

Ora, non che gli ultras salernitani si siano mai evidenziati per posizioni estremistiche o omofobe, però di fronte ad una cosa del genere che suona né più e né meno di una provocazione squallida, la loro risposta non s’è fatta attendere e il Cecchi Paone, sempre a caccia di facile notorietà, se ne torna a casa con l’ennesima figura barbina:

“Gli Ultras del Salernitana prendono le distanze dalle dichiarazini fatte dal Sig. Paone. Nulla contro il mondo omosessulale, questione che poco interessa, soprattutto, in questo momento dove le nostre attenzioni sono rivolte ad altre questioni. Chiediamo, a chi vuole aprirsi a questo mondo, di farlo in maniera personale, senza chiamare in causa gli Ultras semplicemente per una propria pubblicità

Ultras Salerno”.

Sport People.

Uno dei leader della tifoseria del Partizan Belgrado è stato condannato a 16 mesi di reclusione per gravi minacce e insulti nei confronti di una nota giornalista televisiva serba impegnata nella denuncia della violenza nello sport.

Come hanno riferito i media, Milos Radisavljevic è stato riconosciuto colpevole di attentato alla sicurezza di Brankica Stankovic, giornalista dell’emittente televisiva privata B92. Radisavljevic, per tale reato, era già stato condannato nell’agosto 2010 a 16 mesi di reclusione, ma il Tribunale d’appello aveva annullato la sentenza e ordinato un nuovo processo. Brankica Stankovic era stata minacciata di morte dopo alcuni suoi servizi sulle violenze da parte di hooligans serbi, dei quali aveva rivelato l’identità. A causa di tali minacce la giornalista dispone di una protezione permanente da parte della polizia.

[Fonte: La Repubblica]

Tra giocatori e tifosi irlandesi impazza “l’impresa” del giovane ritratto in mezzo ad avversarie svestite. Ma è solo una bravata.

Irlanda-CroaziaSean St Ledger è l’irlandese che ha segnato nella partita contro la Croazia, i gol in una sconfitta contano poco ma il suo è stato comunque il solo lampo di speranza in una nottataccia forse non prorio l’unico brivido per i tifosi della Green Army visto che in questi giorni il suo account twitter è intasato per una fotografia e un messaggio: “Sei il mio eroe”. Dedicato a Eamon Keagan il goliardico ragazzo che ha postato una sua foto allo stadio stretto tra due giunoniche croate a petto nudo (e stretto è un eufemismo, facciamo attacato). Seguono cinguettii di altri irlandesi e altri giocatori: “Come hai fatto?”, “Sei pazzesco”, “La prossima volta dicci dove sei seduto”. Facile, starà seduto davanti a photoshop perché ovviamente la presunta impresa è l’abile ritocco al computer di una foto già postata dai tifosi croati su facebook. Ci sono un gruppo di persone in posa nel centro di Poznan (e non allo stadio) e le due esuberanti signore in effetti mostrano il seno circondate dai loro compagni.

Va bene che noi abbiamo in squadra uno che nel 2012 dice ancora frocio quindi evidentemente il livello è basso, ma come si fa a credere che un postadolescente imbandierato di Irlanda si sia davvero intrufolato tra i tifosi avversari e sia riuscito ad approfittare delle grazie locali proprio lì, in mezzo ai marcantoni dei Balcani. Eamon cercava pubblicità e ora è la star della rete: dovrà fare i conti con la celebrità. I croati lo cercano, soprattutto Jelena una delle signore che a causa di tutta questa notorietà si è trasformata nella star del web e rischia di perdere il lavoro. E’ un’impiegata del ministero della cultura croato che si è detto “indignato”. Lei è seccata con il ragazzo ma per niente pentita della foto originale: “era un modo per dimostrare il mio supporto, sarò a vedere anche la partita contro l’Italia e potrei rifarlo, quel che conta è vincere e visto che ha portato bene…. La Croazia può prendersi l’Europeo”.

[Fonte: La Stampa]

La società sta pensando di chiedere un sostegno economico ai tifosi per affrontare gli oneri del prossimo campionato. In cambio, possibilità di partecipare, con diritto di voto alla vita del club

IL CITTÀ di Pontedera chiama, Pontedera città rispondi. Nella prospettiva di affrontare un campionato finanziariamente oneroso come si annuncia quello della prossima Lega Pro (sia che si tratti di una categoria unica sia che si tratti di due categorie, perché in questo caso c’è il forte rischio di fare come il Gavorrano e finire nel girone Sud) la società granata sta pensando di chiedere anche il sostegno economico dei tifosi. Ma non sarebbe un contributo… a fondo perduto, poiché viene offerta come contropartita la partecipazione alla vita del club, con diritto di voto. Non si tratta insomma diun azionariato popolare, bensì la possibilità di costituire un Comitato di tifosi, sul modello di quello nato di recente a Pisa solo per prendere un esempio vicino (ma di analoghi ce ne sono a Mantova e Rimini). Un comitato costituito in maniera ufficiale con tanto di statuto, sede,presidente, cassiere, che riesca a mettere insieme almeno una quota pari a quella versata da ogni singolo socio. In questo modo il Comitato dei tifosi avrebbe la possibilità di partecipare come detto alla vita gestionale del club granata facendo sedere un suo rappresentante al tavolo delle riunioni dirigenziali e avendo diritto di voto il cui potere sarebbe pari a quello degli altri soci.
TUTTO questo avrebbe valenza annuale e l’impegno dei tifosi sarebbe ovviamente rinnovabile ogni dodici mesi. Il Comitato sarebbe esentato da ogni eventuale responsabilità sia civile sia economica che rimarrebbe a carico dei soci effettivi del Città di Pontedera. «Abbiamo bisogno che la città ci stia vicina — dicono dalla sede granata—e poiché sappiamo che il prossimo campionato molto probabilmente non potrà regalarci le grandi soddisfazioni di quest’anno, abbiamo bisogno di stare tutti uniti. Per questo invitiamo i tifosi a contattarci, in modo da poter spiegare meglio e nei particolari quello che intendiamo fare. Dopo un rappresentante del comune nel consiglio di amministrazione (l’assessore allo sport Matteo Franconi, ndr), riuscire ad averne uno dei tifosi alle nostre riunioni sarebbe un’altra grande soddisfazione».
Stefano Lemmi

da La Nazione edizione Pisa

Lettera dei responsabili dei campi di Confine e Dogaro per ringraziare la Curva Sud Milan per gli aiuti forniti alla popolazione colpita dal terremoto.

Ultras MilanA nome dell’autogestione della frazione Confine di San felice sul Panaro siamo a ringraziarvi per tutto quello che ci avete donato. Sappiamo con certezza che il vostro cuore è più grande del vostro corpo. Certi che apprezzerete il nostro ringraziamento, vi ricordiamo che finito l’emergenza saremo lieti di ospitarvi per una giornata di gioia con le prelibatezze emiliane.

Paolo Molinari – Responsabile del campo autogestito di Confine (frazione di San felice sul Panaro)

———————————————————————

La comunità di Dogaro ringrazia tutti i ragazzi della Curva Sud del Milan per la loro immensa solidarietà in questo momento per noi difficile.

Grazie di cuore a tutti!
Alessio Fessura e Lafdili Fathallah

Responsabili del campo autogestito di Dogaro (frazione di San felice sul Panaro)

[Fonte: Milan News]

È un’idea che ad intervalli di tempo regolari torna alla ribalta. Adesso è la volta di Rupert Murdoch, ovviamente interessato per fini personali legati alla sua compagnia televisiva. Comunque, segnatevi il link di provenienza della notizia, tifosobilanciato.it, veramente fonte inesauribili di notizie economico-finanziarie sul calcio.

 

Big FiveRupert Murdoch, proprietario della News Corp (che include anche Sky) ha invitato il gotha del calcio europeo a Milano ad una cena alla quale parteciperanno i Presidenti delle più importanti squadre di calcio dei cinque principali campionati europei (le “Big 5″): Premier League, La Liga, Serie A, Bundesliga e Ligue 1.

Anche se l’obiettivo dell’incontro non è stato ufficialmente comunicato, sono forti le indicazioni che portano a pensare di un possibile ragionamento concreto in merito alla possibilità di creare la UEFA Super League, una sorta di torneo continentale con accesso limitato ad alcune delle squadre delle Big 5 e che dovrebbe far abbandonare la Champions League e l’Europa League.

In tempi di Fair Play Finanziario, forse l’unico modo per consentire alle grandi squadre di continuare a spendere, incrementando i propri ricavi grazie al ridimensionamento della quota di diritti TV che sarebbe lasciata alle squadre nazionali che non avrebbero accesso a questo nuovo torneo.

Si trova sempre un pesce più grosso che mangia quello più piccolo.

[Fonte: Tifoso Bilanciato]