Archivio per la categoria ‘Mondo Ultras’

La Roma è il primo club che ha avviato il processo di stop ai biglietti omaggio ai ministri, politici e a vip. Anche da quest’anno, a partire dalla prima partita di campionato, nella neo nata Tribuna 1927 sono stati messi da parte le “autorità” per dare spazio ad abbonati esclusivi. Tra questi c’è Maurizio Gasparri, noto tifoso giallorosso, che ha lanciato un chiaro messaggio alla società: “Forse dovrebbero occuparsi di più dei risultati della squadra”.
GasparriI nuovi abbonati della Tribuna 1927 (300) potranno usufruire di tutti i comfort: poltrona riscaldata e dotata di touch screen interattivo, uno spazio esclusivo per poter vedere da vicino anche i giocatori nel tunnel e il diritto ad un posto a tavola nell’esclusivo ristorante all’interno dell’area premium. Costo dell’abbonamento? 8.500 euro più Iva.

Nonostante il prezzo elevato la società ha fatto sold out. Il direttore marketing giallorosso, Christoph Winterling, ha così spiegato: “Vogliamo trattare tutti i tifosi allo stesso modo: dalla curva al settore famiglie arrivando alle Autorità. La Roma intende investire su ogni target group, ma si pone anche l’obiettivo di essere credibile e per questo non possiamo dare trattamenti diversi ai tifosi. Queste iniziative rappresentino un investimento per il futuro e siano propedeutiche anche per il nuovo stadio”.

Ai lati della Tribuna 1927 centrale ci sono altre 2 Tribune da 150 posti più economiche (6.000 euro) mentre sopra è stato destinato uno spazio destinato ai vari sponsor della Roma e dei palchetti per quelle aziende che volessero investire sulla società giallorossa e mandare allo stadio i propri ospiti. Fuori dallo stadio invece sono stati installati una serie di di punti vendita ufficiali del merchandising As Roma. Attraverso queste iniziative la società intende modernizzarsi, innovandosi e così avere più opportunità per fare businness. “Questo è solo l’inizio – ha continuato Winterling -. Abbiamo una chiara strategia su quello che stiamo facendo e su dove vogliamo arrivare. I politici verranno invitati dal Coni, ma sicuramente in numero più limitato rispetto a prima e trattati nella stessa maniera di tutti gli altri”.

Intervistato da Il Corriere della Sera, il capogruppo al Senato del Pdl Maurizio Gasparri, ha però criticato la scelta fatta dal nuovo management giallorosso: “Possono fare quello che vogliono, non è un problema: vado allo stadio da quando avevo sei anni. Sono stato in curva Sud, in Tevere, in tribuna stampa da giornalista. Se condivido o meno l’iniziativa? Forse dovrebbero occuparsi di più dei risultati della squadra. Le ripeto: vado a vedere la Roma da quando avevo la tessera dello Junior Club. Quando questi signori non erano ancora nati”.

[Fonte: Blitz Quotidiano]

Annunci

Squadra nuova, anche se poi non più di tanto dopo il calciomercato, e cambi di ogni tipo nel Napoli che si appresta a ripartire nella prossima stagione dopo la prima vittoria a Palermo.

 

De LaurentiisTra le novità ci sarà anche un differente modo per abbonarsi: cambia la procedura per le tessere che saranno disponibili anche per coloro che sono sprovvisti della tessera del tifoso, come ha spiegato il responsabile marketing e head of operations Alessandro Formisano in conferenza stampa a Castelvolturno. Al di là degli acquisti dei vari Berhami, Gamberini e Insigne, con Uvini e Mesto prossimi alla firma, il club di De Laurentiis si muove a 360 gradi anche sul fronte della comunicazione, del rapporto con i tifosi e del marketing. Presto dovrebbe essere disponibile anche la web-tv con contenuti esclusivi, da subito invece riparte la campagna abbonamenti con le novità che ha illustrato Formisano: Sarà disponibile una nuova procedura per la campagna abbonamenti, ovvero un voucher elettrico. Tessera dotata di un codice a barre, dotata di una fototessera. Non può essere rilasciata ai possessori della tessera del tifoso. Questa card non consente di seguire il Napoli in trasferta. Ha lo scopo di consentire alle varie persone che vogliono abbonarsi di poterlo fare anche senza tessera del tifoso. Viene rilasciato in tempo reale. Non verrà rilasciata a persone colpite dal Daspo o reati da stadio”. Il sistema è stato studiato per consentire l’abbonamento anche a chi non ha la tessera del tifoso: “Da domani mattina, i tifosi possono sottoscrivere l’abbonamento senza tessera del tifoso. Si potrà fare solo al botteghino numero 5 del San Paolo, è  un’iniziativa che abbiamo preso per evitare, a chi vuole, di evitare tutti i problemi burocratici relativi alla tessera. Per sottoscrivere il voucher bisogna scaricare il modulo sul sito ufficiale del Napoli, una foto formato tessera, una fotocopia del documento d’identità e una del codice fiscale. Anche sottoscrivendo l’abbonamento in questo modo sarà possibile accedere al finanziamemento che il Napoli ha previsto tramite Prestitempo. E’ un servizio molto più efficiente, attraverso il quale potremo emettere 700 abbonamenti nel giro di due giorni”.

MANTO ERBOSO – In passato la tessera del tifoso era stato un deterrente pesante per parte della tifoseria azzurra che, in contrasto con le norme stabilite dal Ministero dell’Interno in sinergia con la Figc e la Lega, avevano reso obbligatoria la card per motivi di sicurezza per tutte le società d’Italia. Nella conferenza Formisano ha toccato anche il tasto dolente del terreno di gioco del San Paolo. Nelle ultime amichevoli il manto erboso è apparso in pessime condizioni ma in società c’è ottimismo in vista delle prossime gare interne: “La situazione migliora, ci siamo avvalsi di una equipe di agronomi e presto il campo starà a posto”.

Stefano Grandi

[Fonte: Sport e vai]

Livorno si è risvegliata immersa nell’amaranto e in un’atmosfera che sembra uscita dagli anni ’90 o dagli anni ruggenti dello stadio mobile quando, senza internet e i social network, i messaggi alla città su trasferte e partecipazione venivano delegati ai muri e ai semafori.

LivornoUna bella sensazione, dunque, che però porta con se’ una serie di questioni irrisolte.

Non può essere certo una vittoria in trasferta o una rosa più o meno attrezzata a poter dettare l’umore dei tifosi, e in particolare quelli che si vogliono definire ultras. Specialmente in una fase in cui il tifoso livornese è stato umiliato ripetutamente da un presidente che, finita l’era della curva nord come l’abbiamo conosciuta, è diventato il padre-padrone non solo della squadra ma anche dell’identità dei tifosi e del simbolo calcistico della città. Non si può fare finta di nulla di fronte a ciò che è successo in questi ultimi anni.

Naturalmente dico questo a chi ha messo la curva davanti a tutto, non certo al tifoso il cui stile, umore, amore o spirito critico dipende dalla categoria in cui si gioca. Quindi, se da una parte fa piacere vedere interesse e passione intorno a una squadra e un simbolo che è al momento totale proprietà (economica e morale) di Spinelli, allo stesso tempo questa passione e interesse devono portare a un obiettivo chiaro: quello di riprendersi dignità e autonomia come tifosi, di riorganizzarsi per poter mettere dei paletti e dettare un modo ben preciso con cui rapportarsi al Livorno Calcio.

L’obiettivo non è certo facile. Perchè le leggi in vigore vanno in senso opposto, cioè quello di costringerti a essere spettatore-cliente subalterno allo spettacolo che decidono loro e perchè, come già detto, a Livorno si opera su un terreno in cui Spinelli ha un egemonia totale tanto da ruidurre il Livorno Calcio ad un hobby personale di un anziano bugiardo compulsivo e con manìe di comando e grandezza. E con queste contraddizioni ci si scontra subito sulla questione abbonamenti, tessera del tifoso e trasferte tanto da ridurre subito la presenza alle sole partite in casa. A proposito, le tessere del tifoso fatte gli anni scorsi non sono più valide e andranno rifatte entro lunedì.

Ma chi sono questi ragazzi? Giovani e meno giovani che in questi ultimi anni hanno cercato di far sopravvivere il tifo in curva nonostante leggi, decreti e uno stadio e una società ai limiti della depressione. Le contraddizzioni sono tante, le difficoltà anche ma prima di giudicare è giusto dare l’opportunità di far parlare i fatti.

Ad ogni modo questi discorsi sono prematuri. Lunedì presumibilmente ci sarà uno stadio bello pieno e ci sarà subito il primo esame di coerenza e di ripristino della dignità. Più gente ci sarà in curva più la vipera gialla dovrà sentire nelle proprie orecchie l’emergere di una nuova rinascita.

p.s.: leggiamo sui siti di pseudoinformazione locale commenti inaciditi di lettori che si scagliano contro chi ha “perso” tempo a mettere striscioni e bandiere per la città perchè a loro avviso ci sono cose più importanti a cui pensare. Persone che sicuramente hanno smesso di mangiare in solidarietà alle famiglie che non arrivano a fine mese o che sono incatenate a qualche cancello in difesa di qualche posto di lavoro. D’altra parte nella Livorno apatica per eccellenza, anche le puci hanno la tosse…e ogni giornale ha i lettori che si merita.

Guarda le foto di alelivorno.it

per Senza Soste, Franco Marino

[Fonte: Senza Soste]

Continuano le polemiche per la presenza alabardata e il presidente Figc Burelli chiede alle società più collaborazione

Tifosi triestiniLa Nuova Triestina che sul campo può battere tutti con lo squadrone che il ds Petagna sta allestendo, la Triestina col suo tifo organizzato pronto ad accompagnarla in massa sui campi del Friuli. Chiamiamole questioni “alabardate” che le società di Eccellenza affrontano in questi giorni di avvicinamento al campionato. C’è un club in particolare che “sente” in modo particolare il doppio confronto con l’undici di Sambaldi, il San Daniele di Stefano Fantinel che a Trieste ha collezionato due retrocessioni. Maurizio Rocco, vicepresidente dei diavoli rossi, lancia un messaggio: «Speriamo che il San Daniele non diventi capro espiatorio per colpire il presidente. Noi abbiamo sempre avuto a cuore la Triestina e le sue sorti e speravamo si iscrivesse in serie D. Lo meritava per il suo blasone. Detto questo noi vivremo serenamente queste due gare, perché sono convinto che prevarrà lo spirito dilettantistico e la ragione. Comunque il discorso relativo alla sicurezza va affrontato dalla federazione e da chi è preposto a gestire l’ordine pubblico».

Proprio per gare come questa è stato ben ponderato il calendario che verrà presentato lunedi a Tricesimo. Il presidente Figc Burelli e la Questura nelle ultime settimane si sono confrontati, gestire centinaia di tifosi di fede alabardata (alla prima amichevole contro lo Zaule c’erano quattrocento supporters, in gran parte gli ultras della curva Furlan) sui campi del Friuli, ha reso necessario qualche accorgimento. Posizionare le gare in trasferta, per esempio, in occasione di gare casalinghe dell’Udinese in modo da evitare possibili contatti tra tifoserie e soprattutto permettendo alle forze dell’ordine di avere maggiore personale.

«Non facciamo allarmismo per l’arrivo della Triestina in Eccellenza», sottolinea comunque Burelli. Il numero uno della Federcalcio invita a non ingigantire i problemi: lo si legge chiaramente nel tradizionale messaggio di inizio stagione rivolto alle società e apparso ieri nel comunicato ufficiale. «Non ritengo costruttivo – si legge – parlare di ulteriori appesantimenti dovuti a un girone di Eccellenza a diciassette squadre».

Se da una parte c’è l’ordine pubblico da garantire, dall’altra c’è una stagione che sul campo rischia di essere condizionata dalla diciassettesima squadra. «Il mercato della Triestina ha messo in difficoltà altre società e in generale sarà un campionato falsato» è la lapidaria considerazione di Onorino Polvar, vulcanico direttore sportivo e uomo simbolo del Torviscosa, che come da sua abitudine non ha mai paura di dire quello che pensa.

«Non ho timori dal punto di vista dell’ordine pubblico – continua Polvar – piuttosto la presenza della Triestina tra i dilettanti ha destabilizzato il mercato, visto che diversi giocatori, già in parola con alcuni club, davanti alla proposta dei dirigenti alabardati hanno deciso di ritornare sulle loro decisioni e andare a comporre la rosa della Triestina». Chiaro il riferimento a Venturini che ha ceduto alle lusinghe alabardate lasciando Torviscosa, ma anche ai vari Sessi, Piscopo o Cipracca che l’Ufm riteneva già nel proprio organico e invece all’improvviso hanno scelto di vestire la casacca alabardata.

La Triestina, insomma, continua a far discutere e non è ancora cominciata la stagione.

Massimo Radina

[Fonte: Messaggero Veneto]

La prevendita scadrà sabato alle ore 19. I prezzi: tribuna 12 euro, gradinata ospite 10, curva 7. Sconti per donne e over 65

Stadio MacerataMisure di sicurezza extra per il derby di domenica tra Maceratese ed Ancona, gara d’esordio del campionato di serie D. I tifosi ospiti avranno a disposizione 1000 biglietti ed arriveranno allo stadio risalendo da Villa Potenza per via Dei Velini;  i sostenitori locali potranno raggiungere l’impianto passando per Via Panfilo, perché via Dei Velini resterà chiusa al traffico nel tratto antistante lo stadio. Verrà organizzata una prevendita che scadrà tassativamente alle ore 19 di sabato 1 settembre, non sarà possibile acquistare tagliandi il giorno stesso della partita: i corner per la prevendita riservati ai tifosi biancorossi saranno il “Bar Cavour”, la profumeria “Piangiarelli” in Corso Matteotti, “Il Telefono” di Eros Sardella in Corso Cairoli 139. Presso questi tre punti vendita sono ancora disponibili gli abbonamenti che potranno essere ritirati al botteghino dell’Helvia Recina a partire da domenica 2 settembre alle ore 11. Questi i prezzi dei biglietti: curva 7 euro, tribuna 12 euro (over 65 e donne 8 euro), gradinata ospite 10 euro, la gradinata locale non è agibile per questa partita.

[Fonte: Cronache Maceratesi]

L’avventura del Taranto in Serie D ricomincia da Trani, altra piazza storica del tifo pugliese per un confronto del tifo sicuramente interessante. Non si sa mai se augurare un pronto ritorno nelle categorie professionistiche, possa essere invece un malaugurio viste le restrizioni, le tessere e le altre assurdità che le regolano.

Grottaglie-TarantoSono 500 i biglietti messi a disposizione dalla Fortis Trani per i tifosi del Taranto in occasione della gara di domenica 2 settembre, prima giornata del Campionato Nazionale Dilettanti Girone H.

I tagliandi avranno il costo unico di 8 euro e potranno essere acquistati già da domattina, giovedi 30 agosto.

[Fonte: Mondo Rossoblu]

Breve notizia su un sito siciliano di cronaca sportiva che riporta un vecchio malvezzo che torna d’attualità con il riprendere della stagione agonistica: Casms e compagnia tornano ad imporre divieti e restrizioni senza senso.

Tifosi ragusaniIl primo match targato “Serie D” del Ragusa che si disputerà il prossimo 2 settembre 2012 contro l’Ac Savoia, è stato sottoposto a divieto di trasferta per i tifosi ospiti dal CASMS.

La vendita dei tagliandi sarà possibile per i soli residenti del comune dove si disputerà il match.

[Fonte: Gol Sicilia]