Posts contrassegnato dai tag ‘atletico nacional’

Il “clasico” di Medellin da sempre è una delle partite più calde del Sudamerica, dove le barras di DIM e Atletico Nacional cercano il contatto in ogni zona della città. Nell’ultima edizione sembra essere stato tutto più tramquillo del solito, e la polizia non perde l’ occaesione per auto celebrare il proprio operato con conferenze stampa e fotografie ad effetto ‘teatrale’.

Clasico di MedellinQuattro anelli di sicurezza e otto posti di blocco attorno allo stadio Atanasio Girardot, un dispiegamnento di uomini nelle posizioni strategiche della città per un totale di circa 1500 uomini della polizia, ha impedito disordini gravi e danneggiamenti che spesso provocano gruppi di tifosi violenti al ‘clasico’ di Medellin.

Nei controlli preventivi sono state poste in stato di fermo 150 persone, delle quali 100 adulti e 50 minorenni.

Tra gli oggetti sequestrati vi sono  320 armi bianche, 180 grammi di marijuana e circa 500 oggetti tra mazze spranghe e bastoni (in realtà da Medellin più di una voce sostiene che il materiale sequestrato è sempre lo stesso e viene riesumato ad ogni partita ndt) .

Secondo il colonnello Mauricio Cartagena, comandante della polizia metropolitana di Medellin, le operazioni di controllo sono durate anche la notte dopo il “clasico” evitando cosi gravi incidenti, questo significa che vanno cambiate le strategie antiviolenza.

“Le persone che sono rimaste al di fuori dello stadio non hanno creato disordini e danni, nemmeno al termine della partita quando la gente usciva dallo stadio, le operazioni di controllo dei gruppi più violenti sono infatti durate fino a tarda ora “, ha detto il colonnello Cartagena.

Non si sono rilevati gravi scontri o danni a proprietà altrui, ma è da rilevare l’incidente nei pressi della stazione della metropolitana di San Javier, in cui è rimasto ferito un ragazzo che stava preparando una bomba carta da usare contro la tifoseria rivale e che gli è esplosa addosso ferendolo gravemente ad un occhio.

Il portavoce della polizia ha precisato anche che i controlli preventivi iniziati il venerdi precedente al “clasico” nella zona dello stadio ed in altre località, dove spesso si sono manifestati scontri tra barras come la Villa del Aburrá y La Mota, hanno avuto effetto.

Traduzione Sport People da “ElColombiano.com”

Le barrabrava sono spesso protagoniste di disordini anche gravi che vengono stigmatizzati dall’opinione pubblica e dai media. Ma spesso ci si dimentica dei progetti sociali che alcuni gruppi portano avanti da anni per aiutare le fasce più deboli e povere della popolazione, spesso ignorate dai governanti di turno. Nella città di Medellin in Colombia  da anni è attiva una scuola calcio gestita dalla barra “Los del Sur” che non guarda solo agli introiti delle iscrizioni dei bambini e che non ha come primo obiettivo il risultato. Forse anche qualche responsabile di settore giovanile di alcune società italiane avrebbe qualcosa da imparare.

 

Escuela Los del SurInsegnando il gioco del calcio la tifoseria “verde” appoggia i sogni dei giovani e da un opportunità nella vita ai bambini dell’Antioquia.

La maggioranza delle persone che hanno  identificato le ‘barras bravas’ come un pericolo sociale si nega a priori la possibilità di conoscere il lato buono di questa realtà.

Paura disprezzo e violenza: sono queste le sensazioni che generano nell’opinione pubblica le tifoserie organizzate del calcio; tra queste la famigerata barra ‘Los del Sur’ che sostiene l’Atletico Nacional di Medellin.

Da 10 anni i tifosi della squadra di Medellin portano avanti un progetto sportivo per dimostrare che “Dalla Barrabrava possono nascere progetti sociali che aiutino a migliorare le condizioni di vita dei suoi appartenenti e della gente che ci sta attorno” queste le parole di Felipe Munoz portavoce dei “Los del Sur”.

Una delle iniziative è il “Club sportivo Los del Sur” dove 70 bambini e giovani occupano il tempo libero imparando a giocare a calcio con allenatori del calibro di John Cordoba, Leon Dario Atehortua e Gustavo “Misil” Restrepo, ex giocatori che nella loro carriera hanno vestito la maglia dell’Atletico Nacional.

“Lavoriamo in gruppo per cambiare la mentalità e i luoghi comuni sulla Barra. A noi è toccato lottare molto perché molte volte la gente pensa che con questa scuola calcio possiamo insegnare cose sbagliate ai giovani” Queste le parole del Direttore Tecnico Cordoba.

Con l’appoggio del club Atletico Nacional e di alcune fondazioni culturali “Los del Sur” sovranitendono il lavoro della scuola calcio.

“Prima dei soldi la nostra missione è quella di allontanare della violenza dei quartieri più poveri i giovani; lo sport deve essere visto come una gioia di vita. Se in qualsiasi momento un bambino non può pagare la rata mensile della scuola calcio non viene ritirato”

Con questa scuola calcio gli appartenenti al gruppo “Los del Sur” intendono principalmente dare un’altra opportunità di vita ai giovani e dimostrare che essere membro di una Barra non è solo sinonimo di violenza.

“Questo lo vediamo come un buon matrimonio, perche i ragazzi sono anche tifosi, gli piace il tifo che noi facciamo ad ogni partita. Vivono in un ambiente dove si sentono contenti e motivati”

Sport People.

Quattro feriti da armi da taglio, otre 350 arresti e il sequestro di una pistola e 450 armi bianche.

Questo il bilancio della giornata del clásico Atletico Nacional-Deportivo Indipendiente Medellín (Risultato di 2 a 1 in favore del Deportivo Indipendiente Medellin ndr) , prima e dopo la partita.

Il comandante della Polizía Metropolitana di Medellín, generale Yesid Vásquez, ha confermato che ci sono stati scontri tra le opposte fazioni in diversi quartieri di Medellin, ma la situzione è subito stata messa sotto controlllo dalle unità mobili della polizia.
Nella stazione della metropolitana dello Stadio si è verificata una sassaiola ad alcuni vagoni dei convogli,  che ha causato la rottura di tutti i vetri.

Negli scontri è stato danneggiato anche il sistema idrico antincendio della stazione, che è stata chiusa per alcuni minuti.

L’ intervento di personale ESMAD (La celere colombiana ndr) ha permesso di contenere la furia di un gruppo di sostenitori del Nacional (In realtà sembrerebbe che sia stato fatto un uso eccessivo di lacrimogeni anche contro gente comune ndr).
In merito ai feriti da arma da taglio tre di loro, un tifoso del Medellín e due del Nacional, sono ricoverati all’ Opspedale General, mentre al Policlinico è ricoverata una tifosa del Nacional di 17 anni colpita da tre pugnalate.
Secondo la precisazione del generale Vásquez, questo ultimo fatto che non ha nulla a che vedere con il clasico, è avvenuto dopo la partita all’ incrocio tra le vie 74 e 44B quando un giovane ha aggredito la ragazza per rubargli la borsetta.

L’ agressore è stato ucciso da un colpo di pistola che lo ha raggiunto all’ orecchia destra. “non si sà se il giovane è stato colpito da alcuni amici della ragazza o da altri individui “

La pistola è stata ritrovata in un sacco dell’ immondizia nelle vicinanze dello stadio.
Dei 350 arrestati il comandante della Polizia ha confermato che alcuni sono stati rilasciati attorno alla mezzanotte.

Traduzione Sport People da Elcolombiano.com

A Medellin ha suscitato vibranti polemiche questa determinazione del Comitato di Sicurezza del Comune (Organismo che decide le misure di sicurezza per le partite di calcio) della città colombiana, che sembra copiato pari pari da quelli del nostro Casms. Anche qui pensano di combattere la violenza impedendo l’accesso degli striscioni e persino delle pile delle radioline, nonostante la tifoseria del Atletico Nacional in questo inizio di stagione non abbia creato alcun problema.

 

 

 

Misure di sicurezza per l’ incontro tra Atletico Nacional e Deportes Tolima decise dal Comitato di Sicurezza di Medellin.

• Le misure di sicurezza per partite di tipo ‘B’ saranno implementate per l’ incontro tra Atletico Nacional e Deportes Tolima di Sábato 25 febbraio.

• Saranno disposti due anelli di prefiltraggio attorno allo stadio A. Girardot dove saranno abilitati 36 accessi.

La apertura delle porte sarà alle ore 6.00 p.m.

• Gli appartenenti alla barra “Revolución Vino Tinto” del Deportes Tolima non potranno entrare allo stadio Atanasio Girardot.

La misura è adottata in base alle indicazioni del Generale Rodolfo Palomino della Policía Nacional.

• I tifosi dell’ Atlético Nacional che occuperanno la tribuna  orientale non potranno introdurre allo stadio nessun tipo di striscione di gruppi organizzati o barras.

 

In accordo con la nota del Generale Rodolfo Palomino, direttore della  ‘Seguridad Ciudadana’ della Policía Nacional, gli appartenenti alla barra Revolución Vino Tinto del Deportes Tolima non potranno entrare allo stadio Atanasio Girardot. La misura viene adottata tenendo conto dei disordini creati dagli appartenenti a questa barra nella città di  Ibagué  nella precedente giornata di campionato.

I tifosi del Atlético Nacional che assisteranno all’ incontro dalla tribuna orientale sono sottoposti alla sanzione di non poter introdurre striscioni di gruppi organizzati o barras. Questo perché sono stati lanciati da questo settore dei bengala nella partita di copa libertadores tra Nacional  e Universidad de Chile, che hanno creato una situazione di pericolo per gli Stewart presenti nel settore indicato.

La apertura dei cancelli sarà alle ore 6:00 p.m.

Si ricorda di arrivare allo stadio con sufficiente anticipo per dare tempo alle autorità di effettuare i controlli personali.

Tra le misure di sicurezza si ricorda che :

Si realizzeranno 2 anelli di prefiltraggio per l’ accesso allo stadio.

Dentro allo stadio si controlleranno le corrispondenze tra i biglietti esibiti dagli spettatori ed il posto occupato. Saranno allontanate dalle posizioni non dedicate agli spettatori tutte quelle persone che non svolgono alcuna funzione di sicurezza o logistica.

Si mantiene il divieto di vendere alcolici nelle  tribune.

Non è permesso l’ ingresso di bottiglie di vetro, cinture con fibbia metallica e i biglietti dovranno essere esibiti al prefiltraggio.

E’ vietato l’ ingresso di estintori.

Si potranno introdurre pile tipo doppia A e tripla A, solo all’ interno di radioline portatili.

Si potranno introdurre ombrelli piccoli (da borsa) previo perquisizione delle autorità agli ingressi.

Sarà consentito l’ ingrasso di bandiere delle dimensioni massime di 0,50 per 2 metri e coriandoli; non sarà permesso l’ ingresso di altro materiale differente.

Ci sarà un controllo stretto sulle persone che intendono entrare in stato di ebbrezza; chi sarà identificato in questa condizione non potrà entrare allo stadio.

E’ proibito l’ ingresso delle persone senza documento di identità.
Traduzione Sport People da Medellin.gov.co